Gli accordi di Santa Lucia di Francesco De Gregori per chitarra.
Santa Lucia, canzone dolcissima, romantica, direttamente dall’album “Bufalo Bill” del 1976.
La canzone “Santa Lucia” è il brano conclusivo del disco e venne contestato da alcuni critici musicali, a cui De Gregori rispose così, raccontando la nascita di questa canzone:
« Mia madre, che è leggermente miope, quando cercava qualcosa e non riusciva a trovarla, quando la trovava diceva “Santa Lucia, santa Lucia, non l’avevo vista”. La canzone è nata così, questa è una canzone per tutti quelli che non vedono. Non capisco perché debbo vergognarmi di aver usato questa mediazione cattolica…Se le critiche sono rivolte solo al fatto che si nomina una santa, non me ne vergogno… Poi si può dire che faccio delle canzoni commissionate dal Papa, nessuno è al di sopra di ogni sospetto. »
Nel 2010 Lucio Dalla ha detto di invidiare De Gregori per aver scritto questo brano reputando Santa Lucia la sua canzone preferita di De Gregori. In seguito alla morte del cantante bolognese, De Gregori renderà omaggio a Dalla nei propri concerti chiudendo l’esecuzione del brano con le note introduttive di Com’è profondo il mare.
Nel 2012 il cantautore ha ripreso il brano nel disco dal vivo Vola vola vola, realizzato con Ambrogio Sparagna, duettando con la cantante napoletana Maria Nazionale.
Gli accordi della canzone sono molto semplici per questo l’abbiamo inserita tra le “Canzoni facili da suonare

Do Santa Lucia per tutti quelli che Fa hanno gli occhi e un cuore Rem che non basta agli occhi Do e per la tranquillità di chi va per mare Rem e per ogni lacrima sul tuo vestito Do Sol per chi non ha capito. Do Fa Santa Lucia per chi beve di notte Rem e di notte muore e di notte legge Do e cade sul suo ultimo metro e per gli amici che vanno Rem e ritornano indietro Do Sol e hanno perduto l'anima e le ali. Sol7 Per chi vive all'incrocio dei venti Do ed è bruciato vivo Lam Sol Fa per le persone facili che non hanno dubbi mai Sol Sol7 Do per la nostra corona di stelle e di spine Mi7 La7 e la nostra paura del buio e della fantasia. Re Sol Santa Lucia il violino dei poveri Mim è una barca sfondata e un ragazzino Re al secondo piano che canta ride e stona Mim perché vada lontano fa che gli sia dolce anche la pioggia nelle scarpe Re La7 anche la solitudine. Re Sol Mim Re Mim Re La7 Re Sol Mim Re Mim Re La7 Re4 Re

AUTOSCROLL  1 2 3 4 5