Gli accordi di Crêuza de mä di Fabrizio De Andrè per chitarra.
Crêuza de mä (il cui titolo originale è Creuza de mä, 1984) è l’undicesimo album registrato in studio di Fabrizio De André. L’album, realizzato in collaborazione con Mauro Pagani, è interamente cantato in genovese, idioma della Repubblica di Genova, tuttora vivo, che è stato per molti secoli (approssimativamente dal Basso Medioevo fino al XVII secolo, il secolo dei genovesi) una delle parlate più usate per la navigazione e gli scambi commerciali nel Bacino del Mediterraneo.
Il disco è stato considerato dalla critica come una delle pietre miliari della musica degli anni ottanta e, in generale, della musica etnica tutta; David Byrne ha dichiarato alla rivista Rolling Stone che Creuza è uno dei dieci album più importanti della scena musicale internazionale degli anni ottanta, e la rivista “Musica & Dischi” lo ha eletto migliore album degli anni ottanta. Inoltre, l’album è nella posizione numero 4 della classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre, secondo Rolling Stone Italia.

Re
Umbre de muri muri de mainé
dunde ne vegnì duve l'è ch'ané
da 'n scitu duve a l'ûn-a a se mustra nûa
e a neutte a n'à puntou u cutellu ä gua
e a muntä l'àse gh'é restou Diu
u Diàu l'é in çë e u s'è gh'è faetu u nìu
ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria
e a funtan-a di cumbi 'nta cä de pria
  Sol  Re  La Sol Re  La Sol Re
E anda e     anda e      anda ayo (due volte)
                      Sol  Re
E 'nt'a cä de pria chi ghe saià
                          La    Re
int'à cä du Dria che u nu l'è mainà
                        Sol  Re
gente de Lûgan facce da mandillä
                          La    Re
qui che du luassu preferiscian l'ä
                    Sol  Re
figge de famiggia udù de bun
                      La    Re
che ti peu ammiàle senza u gundun
  Sol  Re  La Sol Re  La Sol Re
E anda e     anda e      anda ayo (due volte)
                      Sol  Re
E a 'ste panse veue cose ghe daià
                   La    Re
cose da beive, cose da mangiä
                      Sol  Re
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
                          La    Re
çervelle de bae 'nt'u meximu vin
                      Sol  Re
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
                          La    Re
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi
  Sol  Re  La Sol Re  La Sol Re
E anda e     anda e      anda ayo
                                Sol        Re
E 'nt'a barca du vin ghe naveghiemu 'nsc'i scheuggi
                             La    Re
emigranti du rìe cu'i cioi 'nt'i euggi
                            Sol    Re
finché u matin crescià da puéilu rechéugge
                   La    Re
frè di ganeuffeni e dè figge
                              Sol  Re
bacan d'a corda marsa d'aegua e de sä
                                     La    Re
che a ne liga e a ne porta 'nte 'na creuza de mä
  Sol  Re  La Sol Re  La Sol Re
E anda e     anda e      anda ayo  (due volte)